Guadagnare con un blog: Blogger o WordPress?

Guadagnare con un Blog su Internet è una via seguita da molte Persone con ottimo successo. I due Principali Servizi Online per la creazioni di un Blog, sono i famosi Blogger e WordPress

Molto spesso ti capiterà di trovare su Internet delle discussioni su quale sia il migliore tra i due, quale può dare maggiore visibilità.

Che dici se provo anch’io a rispondere a questa domanda?

Quale credi sia il migliore tra i due? In definitiva posso dire che sono entrambi ottimi Servizi per la Creazione e Gestione del tuo Blog, ma presentano tra loro alcune fondamentali differenze che voglio analizzare, e che possono esserti utili per capire quale tra i due Servizi va meglio per TE.

WORDPRESS Il Servizio di WordPress non è stato creato per Blog destinati a Fini Commerciali, anche se oggi gran parte delle Persone lo utilizza proprio a questo scopo (promuovere e vendere i propri Prodotti su Internet, un ottimo metodo per guadagnare con un blog).

Hai tramite il Pannello di Controllo una vasta scelta di Temi Grafici Personalizzati (completamente GRATUITI), e una buona scelta di PlugIn da poter aggiungere.

Puoi facilmente creare un Dominio Personalizzato, ad un costo veramente irrisorio, per dare l’aspetto di Hosting Professionale gestito da te (e non da WordPress). Puoi Registrarti cliccando su www.wordpress.com e selezionare la Lingua ITALIANO.

Naturalmente puoi anche acquistare un dominio e “hostarlo” dove preferisci, poi scaricare e installare il sistema sul sito.

L’installazione è molto intuitiva, in pieno Stile Web 2.0. Molti Servizi aggiuntivi purtroppo sono solo a Pagamento, anche se di piccola entità.

BLOGGER Blogger è un Servizio di Proprietà di Google, ed è progettato sulla sua facilità d’uso.

Puoi tranquillamente inserire il tuo Blog in uno Spazio Web tramite FTP e usare un Dominio già pronto a tua scelta (TUONOME.blogspot.com).

Puoi anche registrare un dominio .com, .it o con qualsiasi estensione e collegarlo al Blog, in modo che compaia solo il nome del Tuo dominio, cosa molto professionale.

I Temi Grafici invece sono meno Personalizzabili, o comunque si possono personalizzare entro certi limiti.

Si è creata un’enorme Community intorno a Blogger, anche perchè a differenza di WordPress, c’è la Possibilità UFFICIALE di disporre il proprio Blog anche per Fini Commerciali.

Questo ha attirato molta piu gente, anche se ci sono molti piu Blog inclini allo SPAM.

In Conclusione, se il tuo Obiettivo è guadagnare con un blog con uno di questi due Servizi, assicurati di usare quello che intuitivamente fa piu al caso tuo, quello che piu riesci a gestire in termini di Servizi Aggiuntivi e di Grafica Personalizzata.

Il mio consiglio, è quello di usare WordPress, che ha molte possibilità in più. Potresti anche aprire un Blog con ENTRAMBI questi Servizi, per provare come ti trovi e poi usare quello che maggiormente senti TUO e nel quale ti senti a tuo agio.

Ricorda poi che, la cosa importante non è tanto DOVE ospiterai il tuo Blog, ma le STRATEGIE che attuerai per Vendere e Pubblicizzare i Prodotti! Buon Blog Marketing.

Come guadagnare con un blog? Leggilo in quest’altro articolo. 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Guadagnare: cambia tu per cambiare il mondo

Michelangelo Di Stefano Consulente MarketingSono sicuro desideri che la Tua Vita e i Tuoi Affari vadano con il vento in poppa, che i rapporti con la Tua Famiglia siano eccellenti: tutto ciò fa parte di quella voglia di soddisfazione e di felicità cha sacrosantamente Ti anima. 

Se non sei completamente soddisfatto e vuoi cambiare qualcosa, sappi che anzitutto devi intervenire su Te stesso. Se non cambi dentro di Te qualcosa, difficilmente potrai imprimere una svolta alla Tua Esistenza.

Molto spesso sento persone lamentarsi delle circostanze e di fattori esterni, colpevoli dei mancati successi. Non si può negare, naturalmente, che gli elementi circostanti influiscano sui Tuoi risultati.

La crisi che l’intero mondo occidentale sta vivendo ne è un esempio tipico. Eppure, anche in questa situazione sfavorevole, ci sono nazioni con crescita a doppia cifra e molte società e persone i cui affari vanno a gonfie vele. Io sono una di quelle.

Cosa differenzia me e tanti altri dalla massa che si lamenta della disoccupazione, degli scarsi guadagni, eccetera?

La capacità di vedere le possibilità offerte proprio da una situazione difficile, per trovar modo di guadagnare e prosperare.

Michelangelo Di Stefano Consulente MarketingKennedy disse in un famoso discorso:

Scritta in cinese la parola crisi è composta di due caratteri.

Uno rappresenta il pericolo e l’altro rappresenta l’opportunità.

In realtà la traduzione non è precisa, è comunque di grande effetto. Soprattutto è profondamente vera.

La crisi non è per nulla negatività assoluta: è provocata da un grande e veloce cambiamento al quale le persone fanno fatica ad adeguarsi

Cosa sta accadendo dunque nella società moderna? Ovvio, sono trascorsi 20 anni dalla nascita di internet e il Web sta producendo una profonda rivoluzione nel modo di vivere, di lavorare e di guadagnare.

Prendo un esempio dalla politica: in quante nazioni i rapporti nuovi tra le persone nati proprio sulla Rete stanno provocando rivolgimenti e hanno fatto cadere regimi sanguinari?

Qualcuno disse una volta che per combattere i dittatori bisognava “bombardare di informazione”. Ebbene, è quello che sta accadendo con Internet.

Adesso guarda l’economia: tutti si sono impoveriti, tutto sta andando male? Falso, forse è quello che vogliono farti credere, molti stanno sfruttando le nuove opportunità e prosperano.

È quello che devi fare Tu, se vuoi guadagnare nel nuovo mondo. Se continuerai solo a lamentarti delle difficoltà, non caverai un ragno dal buco.

Adesso vengo alle grandi domande:

  • Michelangelo Di Stefano Consulente MarketingMa se mi hanno licenziato e non so come sopravvivere, io e la mia famiglia?
  • Ma se cerco lavoro e ricevo solamente rifiuti e porte in faccia perché nessuno vuole assumere in questa situazione?
  • Ma se i clienti non fanno altro che scoraggiarsi e ridurre o azzerare i loro acquisti e quindi il mio guadagno si abbassa?
  • Ma se quando vado a cercare nuovi clienti, questi rifiutano qualsiasi proposta, perché “c’è la crisi, il momento è sfavorevole, eccetera”?

È un momento di crisi, cerca di vedere le opportunità di guadagnare che ci stanno dentro. Guarda con occhi nuovi la situazione.

Nulla potrà cambiare se non cambi Tu dentro.

I fattori esterni non si modificano da soli, devi imparare a reagire in modo diverso.

Ti faccio un esempio, che apparentemente non c’entra nulla: Stefania, la moglie di Carlo (i nomi sono di fantasia, ma il fatto è reale) aveva preso a mostrarsi disinteressata e fredda e il rapporto coniugale si stava sfaldando.

Carlo ebbe il sospetto di essere tradito, sospetto confermato dopo poco tempo.

A questo punto potresti immaginare liti, separazione, divorzio. Nulla di tutto questo.

Carlo, che amava molto sua moglie, si rese conto che lui per primo aveva raffreddato la relazione, o almeno lo pensò.

Iniziò dunque a corteggiare la moglie, si mise in competizione con l’amante, facendo finta però che non esistesse.

Michelangelo Di Stefano Consulente MarketingRisultato? In breve tempo il matrimonio è stato salvato e ora è più saldo di prima.

Morale? Era impossibile cambiare l’atteggiamento di Stefania, senza modificare prima quello di Carlo.

Mi trasferisco ora nella Tua Vita. Se stai vivendo le difficoltà del momento, se ti stai ponendo una di quelle domande o qualcosa di simile, sei Tu in un momento di crisi e devi intervenire presto. Devi fare qualcosa per invertire subito la rotta.

Leggendo le storie di uomini che hanno realizzato vere e proprie svolte nella vita, mi sono accorto che c’è un elemento comune: un particolare momento o stagione della loro esistenza in cui è nata in loro una nuova consapevolezza.

Da questa coscienza deve nascere la decisione di cambiare drasticamente la tua vita con ogni sforzo possibile.

Puoi cominciare con piccole cose, come andare in una palestra o usare la bicicletta per andare al lavoro, fare meditazione, pregare o lavorare un’ora in più (o magari in meno). 

Potresti piantarla da un giorno all’altro con cattive abitudini come il fumo o l’alcool, se le hai.

Oppure la questione può essere più complessa, partendo dal frequentare nuovi ambienti, seguire dei corsi di formazione e vedere nuove opportunità, cercare aiuto in persone che possono darci il supporto necessario. Potrai creare le premesse per guadagnare bene.

Ricordati bene:

Tu puoi trasformare la Tua VitaMichelangelo Di Stefano Consulente Marketing

Potresti essere insoddisfatto di alcuni aspetti della Tua Esistenza, lavoro, famiglia, relazioni in generale.

Potresti essere in difficoltà economiche serie e come recitano i giornali, temere la quarta settimana.

Potresti sentirti peggio, veramente al capolinea e non riuscire a “vedere la luce”.

Attento, perché il pericolo della depressione è dietro l’angolo per molte persone e Tu non è detto affatto che ne sia immune.

Devi reagire presto, con decisione e non cullarti dietro la scusa delle difficoltà esterne.

Devi riprendere il controllo di quello che ti circonda, lavoro, famiglia, affari.

Con qualche sforzo, ti sarà possibile cambiare direzione.

COSA SIGNIFICA?

Non vuole certo dire sterzare improvvisamente dalla strada principale e buttarsi improvvisamente in campagna. Potresti semplicemente cappottare l’automobile della Tua Vita e farti seriamente del male.

Ti ci vuole un navigatore preciso che ti dia la direzione nella quale svoltare.

La prima cosa quindi è sapere dove vuoi andare.

Ora ti parlerò della pianificazione al contrario, conosciutissima in ambienti militari, dove l’organizzazione delle azioni deve essere spesso millimetrica.

 5.   Immagina ad esempio che un plotone debba liberare un ostaggio in mano al nemico.

4.   Per farlo, uno o più militari dovranno trovarsi nella prigione dove è detenuto l’ostaggio ad un certo momento.

3.   Per fare ciò dovranno fare un’azione d’irruzione in un certo preciso momento coordinandosi probabilmente con altre forze.

2.   Per fare quest’irruzione dovranno raggiungere il luogo della prigione in un determinato orario con determinati mezzi.

1.   E così via andando sempre all’indietro.

Michelangelo Di Stefano Consulente MarketingLa stessa cosa vale per la Tua Vita. Se non hai chiaro l’obiettivo finale, non potrai programmare i tuoi passi, ma andrai come un cieco, senza neppure un bastone per orientarti o un cane che ti guidi. Il risultato sarà invariabilmente un fallimento, salvo colpi di fortuna insperati.

Adesso Ti dò alcuni compiti a casa.

Scrivi su un foglio le cose che più desideri e che non hai realizzato o realizzato solo parzialmente. Parlo di tutti i campi, lavoro, famiglia, hobby, amicizie, sentimenti.

Non ti porre limiti e in questo momento non stare a pensare se qualcosa sia fattibile o sia solo un sogno impossibile. Scrivi tutto, più l’elenco sarà lungo e più sarà facile lavorarci sopra.

Se preferisci scrivere al pc, elabora pure un documento word, ma io preferisco quaderno e penna, c’è qualcosa di fisico che tocca da vicino.

Questi non sono ancora obiettivi, chiamale se vuoi fantasie, progetti sulle nuvole. Ti anticipo che per ottenere risultati veri e tangibili, toccherà fare un compromesso: chi troppo vuole, nulla stringe.

Se vuoi ottenere troppe cose, non otterrai nulla. Potresti volerti creare un nuovo lavoro, imparare a suonare il pianoforte, migliorare la tua forma fisica, leggere un centinaio di libri e uscire 5 sere a settimana con il tuo partner (o magari con un partner diverso ogni sera).

Un progetto di questo genere è un candidato al nulla totale.

Questo quaderno lo chiamerai Il Diario del Mio Futuro o Il Mio Progetto o come ti pare, o anche non lo chiamerai in nessun modo.

Adesso su un’altra pagina scrivi quelli che pensi siano i Valori della Tua Vita, quelli ai quali ti sei sempre ispirato e vorresti ispirarti sempre. Ti dò degli esempi per aiutarti:

  • Aiutare gli altri
  • Apprezzamento 
  • Autonomia 
  • Avventura
  • Bellezza
  • Capacità di coinvolgere gli altri
  • Carisma
  • Collaborazione
  • Competizione
  • Coraggio
  • Creatività
  • Diventare un Esperto
  • Eccellenza
  • Efficienza
  • Empatia
  • Essere un leader
  • Essere sempre al meglio
  • Fama
  • Famiglia
  • Fede
  • Gratitudine
  • Guadagnare
  • Guidare gli altri
  • Imparare cose nuove
  • Indipendenza
  • Influenza
  • Insegnare
  • Libertà finanziaria
  • Miglioramento
  • Motivare gli altri
  • Organizzazione
  • Padronanza
  • Partnership
  • Pianificazione
  • Ricchezza
  • Riconoscimento
  • Rischio
  • Risolvere
  • Scoperta
  • Sensibilità
  • Servire gli altri
  • Spiritualità
  • Vincere.

Scrivi tutto quello che pensi dovrebbe ispirare la Tua Vita ed esserne il pilastro. Se andrai contro i tuoi Valori, non potrai mai essere felice, ricordalo.

Se vuoi dare una svolta alla Tua Vita, significa che vuoi raggiungere la felicità, o almeno avvicinartici il più possibile.

LA QUALITÀ DELLA TUA VITA

DIPENDE DALLA QUALITÀ DEI TUOI OBIETTIVIMichelangelo Di Stefano Consulente Marketing

 E la qualità degli obiettivi dipende soprattutto da quanto sono chiari nella tua mente. Non importa neppure che sia concretamente raggiungibile; molto spesso, forse quasi sempre, la nostra felicità risiede nel fare qualcosa, piuttosto che nell’ottenere qualcosa. Tu godrai nell’ascoltare musica, ma non riuscirai mai ad ascoltare tutta la musica composta nella storia.

Fai bene i tuoi compiti, se hai problemi, puoi sempre scrivermi a info@michelangelodistefano.it

Nel prossimo post continueremo l’avvicinamento alla Tua Vita Ideale.

Nel frattempo, leggiti le 9 regole base per guadagnare e avere successo

 

Guadagnare e avere successo: le 9 regole base

Michelangelo Di Stefano Consulente Marketing

Fine d’anno, tempo di bilanci e buoni propositi. Uno dei quali è certamente avere successo o averne di più, se già ce l’hai.

Avere successo non vuol dire naturalmente solo guadagnare, ma anche e forse soprattutto essere soddisfatti di se stessi e delle proprie relazioni con gli altri, familiari in primis, amici e colleghi.

Se stai cercando di metter su un business o di migliorarlo, devi ricordare che il primo cambiamento deve avvenire dentro di Te. Il principale ostacolo nella via della realizzazione potresti essere proprio Tu.

Cambiare per poter cambiare il mondo attorno a sé. Spesso cerchi di modificare una situazione che non Ti va bene e sbatti contro un muro, perché più cambi le cose e più le cose tornano ad essere uguali e negative, come quei pupazzi elastici che tornano ad essere sempre dritti.

A Natale mia figlia mi ha augurato proprio di ottenere ancora tanti successi, ma saggiamente mi ha ricordato che non è il denaro a dare la felicità – Woody Allen ha aggiunto …figuriamoci la miseria!  ;-)

Aggiunta molto azzeccata, oltre che divertente. Il raggiungimento della ricchezza unito all’insoddisfazione personale e a cattive relazioni con gli altri è davvero un immiserimento terribile.

Sappi che non serve a nulla cercare di cambiare il mondo se non cambi Tu.

Ecco le 9 regole fondamentali che devi seguire se vuoi guadagnare ma soprattutto ottenere il successo vero, spesso ma non necessariamente accompagnato dal denaro.Michelangelo Di Stefano Consulente Marketing

  1. Sii attivo – Molti vivono come banderuole, seguendo il vento che passa, Tu invece stabilisci la strada della Tua vita e percorrila, giorno dopo giorno. La mattina non attaccarti al computer per leggere le email, quando squilla il telefono non correre sempre a rispondere. Fai quello che hai stabilito di fare, impara a dire di no a chi vuole farti fare quello che dice lui.
  2. Progetta – Impara a guardare lontano, se hai uno scopo, per quanto grande ed irraggiungibile ti sembri, segui quel faro e metti insieme tutti i passi necessari per arrivarci. Avere in mente qual’è la fine del Tuo cammino Ti permetterà di capire in ogni momento se Ti stai avvicinando alla meta, di quanto e a quale velocità, in modo da fare tutti gli aggiustamenti di rotta necessari.
  3. Priorità – Hai sempre molte attività in pentola, questo è sicuro. Lavoro, affari personali, famiglia: devi sempre ordinarle secondo importanza, altrimenti rischi di andare dietro a questioni di scarsa rilevanza e perdere di vista quelle davvero cruciali. Ci sono molti sistemi, dare un voto ad ognuna, metterle in ordine in liste: qualsiasi metodo scegli, fallo per iscritto. Lo scritto ha qualcosa di fisico, palpabile, imparagonabile a nulla.
  4. Sinergia – Nessun risultato duraturo potrà essere a scapito di chi Ti sta vicino, familiare, amico o collega che sia. Le strategie win-win, dove ad un vantaggio per Te corrisponde sempre un vantaggio altrui, sono sempre le migliori, danno risultati e Ti procurano simpatia e apprezzamento, quindi probabilità di successi futuri.
  5. Empatia – La capacità di comprendere gli altri è alla base dei successi: se vuoi vendere qualcosa a qualcuno, devi prima ascoltarlo, intendere le sue necessità e risolvere il suo problema. Vale per ogni situazione, anche non di vendita in senso stretto. Troppo spesso ci sforziamo di gridare ai quattro venti le nostre ragioni, ma non ci impegnamo per capire quelle altrui.
  6. Fai quello che sai fare – I professori a scuola Ti hanno sempre detto di impegnarti nelle materie in cui eri debole; mai consiglio fu più sbagliato. Per guadagnare e avere successo, devi fare e perfezionare quello che già sai fare, cercare di apprendere qualcosa che Ti è ostico o che comunque non Ti riesce bene sarà faticoso, impiegherai un sacco di tempo e spesso improduttivamente. Non sto dicendo che non devi imparare a fare cose nuove, anzi, ma la base devono essere leTtue abilità consolidate.
  7. Programmazione – Per ogni progetto, di lavoro o personale, programma ogni singolo passo, situandolo nel tempo giusto e fallo per iscritto. Tieni traccia delle Tue attività: non sai quante di esse altrimenti potresti dimenticare per strada, perdendo in efficienza e risultati.
  8. Organizza un team – Se è possibile, delega tutte le attività che non necessitano assolutamente di Te: imparare a lavorare in sinergia con gli altri Ti educherà anche a comprendere le difficoltà che si incontrano in alcuni lavori che a Te possono sembrare banali o facili. Questo vale in particolare in famiglia. Affidare delle responsabilità ai figli è il miglior sistema per farli crescere.
  9. Fai spesso bilanci della situazione – Analizza i passi fatti, soprattutto gli errori, non per rimproverarti e deprimerti, ma anzi per imparare da essi. Una volta qualcuno ha detto che ottiene successo chi commette una sola volta ogni possibile errore: è un paradosso, ma c’è un preciso fondo di verità. Ripetere gli errori già fatti è una cosa che vedo fare spesso e i risultati possono essere disastrosi.

Se ti interessa approfondire il metodo per guadagnare con un blog leggi qui gli 8 segreti per riuscire con un blog.

Guadagnare con un blog: 13 segreti per la formattazione di un articolo

Il modo in cui si presenta il testo di un articolo è un elemento essenziale per farti leggere e di conseguenza far avere successo al tuo blog. Un identico contenuto può funzionare o non funzionare in dipendenza della formattazione.Michelangelo Di Stefano Consulente Marketing

La formattazione è quell’insieme di elementi “estetici”, ma anche funzionali, come carattere, punteggiatura, struttura dei paragrafi, che rendono leggibile e piacevole un post.

Non dimenticarti mai che il navigatore al 95% vuole divertirsi: internet è per la maggior parte delle persone un alternativa a televisione, cinema e così via.

Uno scrittore vende molti libri quando le persone pensano che questi siano fatti bene e la misura è solamente quanta gente lo legge.

Se acquisti un romanzo e lo divori tutto d’un fiato perché ben costruito, ne parlerai bene, come farà probabilmente anche la critica e comprerai probabilmente altri volumi dello stesso autore.

Per rendere redditizio un blog è ovvia la necessità di far sì che i lettori

  • si fermino
  • lo leggano con interesse 
  • ne parlino bene

La critica in questo caso è rappresentata dai motori di ricerca, i quali registrano il gradimento dei navigatori, misurandolo con visite, link eccetera.   8-O

Nessuna sostanziale differenza con la vita reale, i parametri sono equivalenti e solo apparentemente diversi.

Un blog tenuto dal Presidente degli Stati Uniti d’America sarebbe seguito sicuramente da moltissime persone e salterebbe rapidamente nelle prime pagine delle ricerche, ma lo stesso risultato può essere ottenuto con bravura e costanza da un perfetto sconosciuto, sconosciuto almeno fino a che il suo blog non raggiunge i piani alti dei motori.  8-) Michelangelo Di Stefano Consulente Marketing

 

 

           I contenuti sono molto importanti, ma la tecnica di scrittura lo è altrettanto, esattamente come in un’opera di narrativa. Una storia deve essere coinvolgente, ma anche “tenuta” con maestria dall’autore.

La prima questione è proprio che non stai scrivendo un racconto o un romanzo. Il punto, in un post di blog è catturare l’attenzione del navigatore, distratto da mille elementi e che probabilmente tenderà a fermarsi sul tuo articolo per pochissimo tempo.

La formattazione del testo è basilare, perché rende l’articolo “leggibile” anche in pochi secondi. Devi creare una struttura che il navigatore scorrerà velocemente per comprendere se la cosa lo interessa o no. A quel punto, magari, deciderà di approfondire il testo leggendolo con maggiore attenzione.

Questo è il tuo scopo, non te lo dimenticare.

Ecco i 13 segreti di una perfetta formattazione:

  1. Frasi brevi – Spezza le frasi ed evita lunghi periodi. Quando sei in dubbio tra virgola e punto, scegli il punto. Le frasi brevi si capiscono meglio. Naturalmente non esagerare, alterna frasi di lunghezza diversa, renderai così il testo più piacevole.
  2. Usa le virgole – Abbonda, cambiano il tempo del discorso e delle frasi. Non le mettere quindi a sproposito.
  3. Stacca i paragrafi – Rendi il testo arioso, affatica meno la vista e ti farai leggere di più e meglio.
  4. Utilizza elenchi, puntati e numerati – Il navigatore probabilmente, incappando nella tua pagina, scorrerà rapidamente il testo per capire se lo interessa. Gli elenchi sono un grande aiuto in questa operazione.
  5. Scrivi i numeri in cifre – Attirano l’attenzione. Una buona cosa è inserire delle statistiche, che fanno partecipare ancora di più il lettore e lo aiutano ad esprimere rapidamente giudizi. “Nel 2009 i navigatori del sito X.it sono stati 10.000, mentre nel 2010 sono stati 40.000.” Una frase così aiuta a valutare il successo del sito X.it e magnetizza gli occhi del navigatore.
  6. Evidenzia con grassetto, corsivo e colori, meno con la sottolineatura – questo perché quest’ultima è riservata di solito ai link ad altre pagine web e potrebbe dare confusione. Grassetto e corsivo, invece, creano una trama nell’articolo che il lettore può scorrere velocemente.
  7. Metti immagini – Nel Web 2011 (ormai 2012) non usare elementi multimediali significa condannarsi all’anonimato. Le immagini debbono incuriosire, attirare l’attenzione e animare il testo. Attenzione a quelle coperte da copyright!
  8. Piazza gli emoticon, le faccine – Trasmettono con immediatezza e facilità emozioni al lettore, inserendo del linguaggio non verbale in un testo scritto. Avvicini così i tuoi articoli ad una vera chiacchierata, dove la comunicazione non verbale è assolutamente predominante.
  9. Alterna la lunghezza dei tuoi articoli – Qualche testo lungo è importante, i motori di ricerca lo indicizzano, ma i visitatori hanno bisogno anche di comunicazione rapida ed incisiva, per evitare la noia.
  10. Scegli caratteri ben leggibili – Tahoma, Verdana, Arial, per evidenziare qualche punto particolare andranno bene caratteri particolari, ma attenzione! Se il PC del tuo ospite non li possiede, il browser li sostituirà automaticamente, creando magari effetti sgradevoli.
  11. Allinea a sinistra – Non usare il cosiddetto giustificato, davvero orribile a vedersi, esteticamente sgradevole e apportatore di noia.
  12. Centellina le maiuscole – Mettile dove realmente servono ed evita frasi scritte completamente in maiuscolo, sul Web equivale ad urlare.
  13. Usa i link – Sono utili soprattutto per far indicizzare i tuoi articoli. È buona norma inserire sempre nel corpo e alla fine di un post collegamenti ad altri tuoi articoli. Oltre a far indicizzare il tuo blog dai motori, farai in modo che il navigatore legga un altro articolo.

Gli elementi, come vedi, sono molti. Per imparare a scrivere bene sul Web, fai molto esercizio e vai a leggere blog famosi e unanimemente considerati ben scritti.

Pensa sempre al navigatore, il tuo lettore. Leggi in un altro articolo di come sia importante il suo punto di vista.

 

Guadagnare con un blog: scrivere sul web

Michelangelo Di Stefano Consulente Marketing

 Un blog deve essere sempre visto da due diverse angolazioni: la tua e quella del navigatore. Possono incontrarsi ma anche divergere, devi però soddisfare entrambe se vuoi ottenere risultati concreti.

 

Il punto di vista tuo

Il blog ti serve per guadagnare. Il guadagno può provenire da

  • Vendita di infoprodotti (contenuti scritti,audio o video che contengono informazioni utili per chi li acquista, ad esempio un manuale per suonare la chitarra)
  • Ecommerce di prodotti fisici (quello che vuoi, telefoni, pc, profumi, erbe medicinali)
  • Vendita di prodotti fisici o infoprodotti di altri, le cosiddette affiliazioni, dove tu offri dei link ad un altro sito di vendita, link che contiene il tuo codice di affiliazione, per essere poi pagato
  • Pubblicità della tua attività offline, ad esempio immagina un avvocato che vuole acquisire nuova clientela
  • Pubblicità pay per clic, tipo Adsense di Google, cioè annunci che tu ospiti sul sito, ma non decidendo tu chi mette gli annunci perché questo lo fa il provider tipo, appunto, Google
  • Banner pubblicitari che tu vendi direttamente a chi sia interessato al tuo mercato di riferimento

L’elenco non è del tutto completo, ma sostanzialmente comprensivo della strGuadagnare con un blog: scrivere per il webagrande maggioranza delle possibilità.

Manca un elemento fondamentale

l’ email marketing

ovvero la creazione di una lista di affezionati al tuo blog, i quali ricevono regolarmente da te email informative.

Ho omesso questo fattore, perché a mio parere è essenziale ai fini di qualsiasi operazione di marketing su Internet, senza di esso forse neppure il blog avrebbe senso. Avevo già ieri scritto come il blog e l’email marketing siano chiavi fondamentali per ottenere traffico e successo sul web.

The money is in the list, il denaro è nella lista; se non la creassi, sarebbe come vendere qualsiasi cosa rinunciando a metà del guadagno. Chi lo farebbe?

La lista è un moltiplicatore di introiti.

Immaginiamo che tu venda un semplice ebook a 27 euro. Se mandi a tutti i tuoi acquirenti delle email regolari, stai pur tranquillo che in capo a pochi mesi o forse settimane potrai vendere di nuovo ad almeno la metà di essi un altro ebook. Sono stato chiaro?

Senza fare altri esempi, qualunque sia lo scopo che tu persegui, la lista devi sempre crearla: fatti quindi dare gli indirizzi email dal maggior numero possibile di navigatori del tuo sito. Come? Lo vedremo presto.

Il punto di vista del navigatore

Il blog deve essere interessante e piacevole, navigarci deve essere un’esperienza divertente.

Da questo dipende in larga misura la tua posizione nei motori di ricerca e quindi il tuo successo. Molto più importante di qualsiasi metatag o altre diavolerie SEO.

Per carità, tutto è importante, ma capiamoci: se un blog lo apre il divo del momento, il sito sarà frequentatissimo a prescindere e salirà velocemente nelle classifiche dei motori.

Dato che non sei il divo del momento o non leggeresti questo post, occupati anzitutto di scrivere cose interessanti in modo interessante. Non c’è nessun altro sistema di sfondare nel web.

Scrivere cose interessanti

Guadagnare con un blog: scrivere per il webCerca di metterti nei panni del tuo ipotetico navigatore. A cosa è interessato? Cosa cerca?

Se tu vendi un ebook sulla psicologia canina, non puoi scrivere solo post che reclamizzano il tuo prodotto. Scrivi invece sul tema della psicologia canina, ma anche dei cani in generale, contenuti di valore.

Se sei a corto di argomenti, e mastichi un po’ di inglese, fai una ricerca con keyword dog psychology PLR, life with dog PLR eccetera.

 

 

 

Cosa vuol dire PLR? Private Right Label, possiamo tradurlo marchio privato o diritti di rivendita o diritti di pubblicazione. In sostanza, troverai montagne di articoli scritti da professionisti, sul tema che interessa i tuoi lettori. Basterà tradurli, adattarli un po’ per non fare delle copie perfette, che non vanno mai bene e avrai articoli a palate per il tuo blog. Spenderai qualcosa, ma pochissimo al confronto di quello che tiviene dato. Se hai difficoltà, chiedimi con una mail articoli del tuo argomento specifico e sarò lieto di inviarteli ad un prezzo, ti assicuro,davvero ridicolo. Circa il prezzo di una colazione al bar.

Scrivere in modo interessante

Quando si parla di web si parla dunque di informazione, informazione ditutti i tipi che spazia dai notiziari fino ad arrivare ai manuali e guide.

Qualunque sia l’informazione c’è un denominatore comune: i contenuti.

I contenuti sono la parte vitale del web, senza di essi il web non avrebbe né  un senso né uno scopo.

La scrittura per il web differisce di molto dalla normale scrittura su carta, per l’impostazione e per la presentazione agli utenti facile e immediata.

La scoperta delle tecniche di scrittura web è stata una vera folgorazione nel senso più positivo della parola.

Fino a quando non l’ho approfondita, ho sempre pensato di scrivere per il Web come se usassi carta e penna, dilungandomi, specificando concetti, creando giri di parole per essere chiaro e non dando ai titoli la giusta importanza.

Questo non va bene per il Web, devi sintetizzare al massimo; gli utenti non vogliono perdere tempo e badano solo a quello che veramente interessa loro.

Dico subito che dal punto di vista tecnico è molto importante collegare i tuoi post ad una corretta indicizzazione del sito (il famoso SEO), ma ne parlerò in seguito. Ma è solo questione di tempo, se scrivi articoli davvero interessanti, sfonderai comunque, prima o poi.

Gli articoli del tuo blog rappresentano il fulcro delle informazioni che vuoi trasmettere e quindi non vanno trattati con superficialità, ma vanno studiati, analizzati, letti e riletti, sintetizzati.

La sintesi è fondamentale ai fini dell’immediatezza dell’informazione che vogliamo trasmettere e non va assolutamente sottovalutata. Il navigatore si annoia se legge giri di parole che non vanno al succo. Ogni riga deve trasmettere concetti e informazioni di valore.

Arriva subito al punto senza troppi ghirigori perché quello che gli utenti cercano è proprio il succo del discorso; se non lo trovano, scappano e il tuo blog affonda.

A domani, per le tecniche di formattazione.

 

Guadagnare su Internet : come ottenere più visite, contatti e conversioni?

Michelangelo Di Stefano Consulente Marketing

L'albero dei soldi in Australia

Uno studio compiuto da ricercatori del MIT e del Babson college, pubblicato da Hubspot, riporta che il 69% delle aziende intervistate attribuiscono il loro successo nel generare contatti al blog.

I fattori che secondo le aziende più influiscono sul successo sono nell’ordine:

  1. SEO (search engine optimization), cioè tutti i fattori che rendono i siti idonei per l’utilizzo da parte degli utenti e validi anche dal punto di vista dei motori come Google ad esempio, i quali poi stabiliscono la posizione nelle ricerche e di conseguenza il traffico sul sito stesso
  2. BLOG, cioè la creazione di contenuti interessanti che i navigatori sianocontenti di leggere
  3. SOCIAL MEDIA, Facebook, Google+1, Twitter solo per citare i più famosi
  4. EMAIL MARKETING, cioè l’invio periodico di messaggi ad utenti iscritti
  5. PAY PER CLIC, la pubblicità a pagamento, come vedi solo al quinto posto

D’altronde è del tutto logico: chi ha mai pensato, fino all’avvento di Internet, che una pagina pubblicitaria o uno spot possa avere più rilevanza di una notizia riportata dai giornali? Se un azienda dice il suo prodotto è gradito da metà degli italiani, ti si insinua subito il sospetto che sarà pure vero, ma insomma chi lo dice è interessato, ma se la stessa cosa viene sparata in prima pagina dai giornali o dai TG, ALLORA DEVE ESSERE VERA, per forza.

Comincia a pensare di gestire e promuovere un blog

Se il blogging non è ancora un fattore chiave nella tua strategia di marketing, devi valutare quanto gli altri sistemi di marketing ti stanno facendo raggiungere i tuoi obiettivi.

Metti da parte altre strategie e prenditi del tempo per gestire un blog.

Se non hai le competenze, studia, sacrificati e i risultati non mancheranno.

Se non hai tempo per studiare, perché è tutto assorbito dal tuo lavoro, ci sono molti professionisti che possono farlo per te.

Il blog è una vera chiave d’accesso a risultati di marketing solidi e sicuri

Fondamentale renderlo interessante, accattivante e divertente da seguire, dando però informazioni di alto valore, che aprano ai navigatori degli aspetti magari nuovi anche di notizie già note.

Non è detto cioè che tu debba per forza ogni giorno scoprire l’America, ma anche l’acqua calda ad una temperatura leggermente diversa.

Gioca sulla novità, sul particolare nascosto, stuzzica la curiosità. Tieni il lettore con il fiato sospeso, usa titoli che stimolino l’immaginazione

Guadagnare con un blog è una piccola arte, che richiede tempo, costanza e impegno.

Crerae un sito statico era un’operazione una volta per tutte, salvo aggiornamenti periodici, un blog deve essere rinnovato di continuo con materiale fresco.

La grafica ha ancora importanza, ma molto relativa: il contenuto è (quasi) tutto.

In un precedente articolo ho già segnalato l’importanza del blog per il guadagno online, qualunque sia lo scopo del tuo marketing.

Seguimi ancora, perchè da domani ci saranno approfondimenti sui temi specifici e sulle tecniche di blogging.

 

Guadagnare con un blog: 8 segreti per riuscire

Le possibilità di guadagnare con un blog sono molte:

  • proporre dei prodotti propri in vendita
  • proporre prodotti di altri
  • pubblicità pay per clic (annunci di Google, sostanzialmente)
  • pubblicità offerta direttamente
  • creazione di una mailing list alla quale inviare offerte proprie e dialtri
  • far conoscere la propria attività

… e le attività non si fermano qui.

Ma quali sono i requisiti che rendono un blog accattivante e interessante?

Già, perché se non sei attraente non ti visita nessuno e saresti come un giornale che non comprano: come potresti guadagnare?

Ecco gli 8 segreti:

1. Onestà

Questo è un punto fondamentale, sii sempre onesto al 100% con i tuoi lettori! Non cercare di uscire da brutte situazioni nascondendo o ancora peggio, mentendo. Prima o poi tutti i nodi verranno al pettine e non è mai bello trovarsi a perdere tutti i visitatori a causa di un banale equivoco o problema.

 

2. Etica

L’ etica è fondamentale.Probabilmente conoscerai delle persone che praticano la vendita nelle case di conoscenti e fanno delle dimostrazioni di prodotti pur non essendo venditori professionisti.

Queste persone possono avere comunque successo, anche se non sanno vendere, poiché lo fanno con etica.

3. Semplicità

Rendi il tutto molto semplice, in America si dice “a prova di stupido”, non è per essere offensivi ma effettivamente a volte si ha l’ impressione di avere a che fare con persone che accendono per la prima volta un PC, ed è proprio così…

Non bisogna dare mai nulla per scontato su internet poiché non tutti hanno esperienza, non tutti navigano 15 ore al giorno (come me e te), non tutti sono pratici.

4. Curiosità

Un blog interessante è destinato a vivere mentre uno noioso è destinato a morire. Parla di argomenti interessanti e lascia sempre un po’ di fiato in sospeso ai tuoi visitatori perché tornino a trovarti.

Prendi sempre l’ iniziativa e proponi novità uniche, sicuramente le persone saranno felici di seguirti con costanza.

5. Qualità

La condivisione avviene molto facilmente ma solo se il contenuto offerto è di qualità, altrimenti non è così facile ottenere il successo. Un blog DEVE fornire utilità e qualità agli utenti, solo così verrà apprezzato e soprattutto consigliato.

Un modo per offrire qualità ai tuoi lettori è quello di proporre di un argomento di nicchia. In questo modo dimostrerai la tua competenza nello specifico. Trattare troppi argomenti non è sempre efficace.

Scegli con cura l’ argomento del tuo blog, più la nicchia è ristretta e più verrà percepito il tuo valore in termini di competenza.

6. Netiquette

Solitamente questa parola si può trovare nei vari forum di discussione e sta ad indicare il comportamento corretto da tenere su internet.

In un forum puoi trovare facilmente regole del tipo: mantenere un atteggiamento rispettoso nei confronti degli altri, non fare pubblicità (spam) al proprio sito, ecc…

Adattando questo termine al tuo blog le regole chiave sarebbero quelle sopra citate. Insomma, libertà di espressione ma senza offendere nessuno.

7. Lui non tu!

Quando parli con il tuo lettore e intendi fargli compiere un’azione dovrai fargli capire che otterrà dei benefici nel farlo.

Se ad esempio scrivi un articolo che intende portare ad un form dove presenti un tuo ebook che offri gratuitamente in cambio dell’ iscrizione, puoi creare una vera e propria Squeeze page (pagina di raccolta email) non dicendo “Iscriviti e…” ma, molto meglio, “Scaricando il mio ebook scoprirai…”.

8. Come scrivere i post

Nello scrivere addotta alcuni accorgimenti importanti. Se scrivi tutto il testo senza fare attenzione a come il lettore reagirà, rischierai che si affatichi, si annoi e non ti legga. Utilizza il carattere, la spaziatura, elenchi, il grassetto, il corsivo, creando un vero e proprio sommario interno.

Il navigatore ha fretta, se comincia ad annoiarsi scapperà dalla tua pagina e l’avrai perduto forse per sempre.

 

Guadagnare: impegno, programmazione e gestione del tempo, 6 consigli utili

Guadagnare: impegno, programmazione e gestione del tempo, 6 consigli utiliIl lavoro necessario per ottenere risultati è sempre molto, ma non lamentarti. Come tutti, hai a disposizione ventiquattro ore al giorno.

Lo scrittore H. Jackson Brown ci ricorda: “Non dire che non hai abbastanza tempo. Hai esattamente lo stesso numero di ore al giorno che hanno avuto Pasteur, Michelangelo, Madre Teresa, Leonardo da Vinci, Thomas Jefferson e Albert Einstein”.

Ovviamente, poi, non abbiamo davvero ventiquattro ore. Facciamo i conti:

  • dormire                              8 ore
  • attività fisiologiche             2 ore
  • attivita fisica                      1 ora (sperabilmente)
  • relax                                  2 ore
  • famiglia                             3 ore

Ecco che ti restano le classiche otto ore di lavoro. Ma credi davvero che sia veramente possibile lavorare otto ore filate? I grandissimi uomini forse ci riescono e rubando molto tempo alla famiglia e al relax possono anche superarle.

In realtà in queste – presunte – otto ore ci sono tempi morti. Ti dico che se sei bravissimo puoi arrivare a cinque/sei, ma devi essere davvero bravo.

Guadagnare: impegno, programmazione e gestione del tempo, 6 consigli utiliCome attrezzarsi per usarle al meglio? Devi imparare a fare tesoro dei tempi lavorativi e organizzarti, come si suol dire, alla tedesca. In realtà i tedeschi si prendono molte pause, te lo dice uno che ci ha lavorato insieme.

In ogni caso, alcuni consigli sono basilari:

  1. elimina tutte le fonti di distrazione: spegni o silenzia il telefonino, chiuditi nella tua stanza, leggi le email una volta al mattino e una volta alla sera, spegni i messenger. Questa delle email è una cosa che mi manda ai pazzi. Per definizione non attende una risposta urgente e non ce n’è solitamente nessun bisogno, eppure la pulsione a replicare a stretto giro è difficile da reprimere, come se la velocità della posta elettronica obbligasse a stare al passo;
  2. datti una scadenza per ogni compito, una scadenza ragionevole, ma dattela, altrimenti vedrai che il tempo si dilaterà all’infinito;
  3. progetta la tua giornata la sera prima, senza vincoli feroci, altrimenti se poi non fai quanto programmato ti deprimi, ma un progetto fallo sempre, ti darà una guida;
  4. mangia la mattina e la sera, quando hai finito di lavorare, se vuoi fare un break di relax basta un frutto o bere qualcosa;
  5. rispetta il ritmo del tuo cervello, che all’incirca ogni 70/90 minuti chiede una pausa, durante la quale sarebbe eccellente fare attività fisica, anche una breve passeggiata: il tuo cane, se lo hai, ti amerà;
  6. non ti deprimere se non riesci a seguire il progetto che ti sei fatto, magari era troppo ambizioso, ma tieni traccia per iscritto dei progressi e ogni tanto premiati con quello che preferisci.

Non è un vero e proprio manuale di gestione del tempo ma consigli validi e ricordati due cose, stampatele bene in mente:

  1. se insisterai abbastanza, senza cedere mai, qualsiasi obbiettivo ragionevole sarà alla tua portata;
  2. nessuna attività umana si può realizzare senza impegno adeguato. Pensa ad un bel negozio, pieno di merce appetibile a buon prezzo, conosciuto e con una clientela affezionata, il cui proprietario lo apra alle tredici per chiuderlo alle quattordici, pronto ad un bel sonnellino pomeridiano per rinfrancarsi dopo una dura giornata (!) di lavoro: come pensi che andranno gli affari?

Ricordatelo la prossima volta che leggi da qualche parte idee per guadagnare migliaia e migliaia di euro lavorando un’ora al giorno.

Leggi intanto qui cosa penso del lavoro oggi.

A presto.

Consulenza Marketing : vecchi clienti, come farli acquistare di nuovo

Consulenza Marketing : vecchi clienti, come farli acquistare di nuovoSupponiamo che tu nel corso degli anni abbia messo in piedi una bella lista di:

  • clienti che hanno comprato almeno una volta
  • clienti che non hanno comprato ma hanno chiesto un preventivo
  • clienti potenziali che ti hanno contattato solo per informazioni

Per una via o per l’altra, sono interessati al tuo business, qualunque esso sia.

La lista può essere:

  • indirizzi email
  • indirizzi postali

Una cosa è sicura: se non li contatterai mai, non torneranno mai a comprare da te!

Per invitarli di nuovo ad acquistare, bisogna

  • ricordare loro della tua esistenza
  • scrivere una bella lettera
  • fare una bella offerta facendo capire che è riservata a loro

EMAIL

Bisogna fare in modo che ricevano con una certa frequenza tue notizie. I messaggi non devono però essere solo commerciali. La cosa ideale è che tu scriva delle notizie di valore, inerenti al tuo settore. Questo farà sì che i tuoi clienti leggano i messaggi; le persono sono in genere infastidite da comunicazioni che riguardano solo prodotti da comprare, sia pure con sconti

È meglio inserire un’informazione interessante e poi alla fine un link alla tua offerta speciale che sarà su una pagina internet, in questo caso

POSTA

In questo caso ci sono di mezzo i costi dei francobolli e il lavoro per preparare le lettere. Spedire una lettera a settimana sarebbe anche una bella idea, ma l’impresa è riservata a grosse aziende, che infatti realizzano questo marketing pubblicitario

Diverso è il discorso del direct response marketing, dove chi non compra viene cancellato dal database e pian piano si crea una lista di clienti affezionati (chi ha comprato una volta, spesso ricomprerà)

In questo caso è bene programmare una lettera per determinate occasioni (festività, periodi “caldi” per gli acquisti”…) e scrivere un’offerta allettante. La risposta può essere davvero inaspettatamente positiva, purchè la lettera sia scritta bene e l’offerta azzeccata.

COME FARE

Naturalmente puoi fare tutto da solo, ma certamente una consulenza professionale ti darebbe uno sprint formidabile. Il costo è in realtà un investimento!

Una lettera di un professionista sicuramente venderà più di quello che possa fare un dilettante

Presto ti darò comunque una mano, perché ho in progetto un corso per scrivere delle mail e delle lettere efficaci. Continua a seguire questo blog e avrai buone notizie!

Intanto leggi in questo articolo cosa sono riuscito a fare per un assicuratore in difficoltà